Pulizia in cucina

Bicarbonato Solvay® Frutta&Verdura è perfetto per la pulizia delle superfici della cucina, dal piano lavoro al frigorifero e gli utensili di tutti i giorni. 

Mai più graffi
Smiling man standing in kitchen of his apartment cleaning countertop

Piano lavoro, tavolo, tagliere: li usiamo quotidianamente per affettare i cibi, preparare un impasto... In tutti questi casi una pulizia accurata è importantissima per garantire l'igiene e la sicurezza in cucina. 

E cosa c'è di più sicuro di un prodotto di origine minerale, come Bicarbonato Frutta & Verdura, per pulire a fondo tutte le superfici a quotidiano contatto con i cibi? 

Bicarbonato Frutta & Verdura è infatti Bicarbonato di Sodio Solvay al 100%: la sua purezza è garantita e rispetta standard qualitativi tali che ne permettono la certificazione come prodotto "ad uso alimentare".

La sua nuova formula in microgranuli, inoltre,ne aumenta l'efficacia pulente, senza per questo rischiare di graffiare il piano lavoro! Infatti, i microgranuli di Bicarbonato Frutta & Verdura nascono da un'attenta selezione dei cristalli di bicarbonato che tiene conto della loro dimensione e, al contrario della maggior parte delle polveri abrasive contenute nei detersivi tradizionali, sono completamente solubili. Sono quindi perfetti per rimuovere efficacemente lo sporco da tutte le superfici a contatto con il cibo: plastica, laminato, smalto, acciaio inox... 

Come usarlo? Bagna la superficie da pulire e spargi Bicarbonato Frutta & Verdura, direttamente dalla confezione; strofina con una spugna umida finché i residui non saranno rimossi. Poi sciacqua con cura.  

Tieni Bicarbonato Frutta & Verdura direttamente accanto al lavello, pronto all'uso! Il consiglio in più? Dopo aver pulito i piani cottura o il lavello in acciaio inox, asciuga con un panno carta: vedrai che lucentezza! 

Incrostazioni, addio!
Cleaning the kitchen sink

Lasagne, arrosti, intingoli: gustosi, certo... Ma spesso, con questi alimenti particolarmente "pesanti", oltre alla linea, sono anche le nostre pentole a farne le spese. Quante volte, infatti, dopo aver cucinato qualche pietanza particolarmente elaborata, ti sarà capitato di ritrovarti alla prese con incrostazioni o residui di cibo su pirofile o padelle?

In questi casi, oltre alla fatica per farle tornare pulite e splendenti, si rischia spesso, sfregandole con troppa energia, di rovinarne il fondo; oppure, nonostante gli sforzi, i risultati non sono affatto soddisfacenti.

Bicarbonato Frutta & Verdura, grazie alle proprietà del bicarbonato di sodio e alla sua nuova formula in microgranuli, si è rivelato molto efficace per ammorbidire e rimuovere con facilità residui e incrostazioni.

Ecco come procedere:

  • versa Bicarbonato Frutta & Verdura sul fondo della pentola o della padella, direttamente dalla confezione; aggiungi acqua calda e lascia agire il prodotto per circa quindici minuti. Questo sistema è adatto nel caso di incrostazioni leggere;
  • nei casi più ostinati, versa direttamente Bicarbonato Frutta & Verdura su una spugnetta morbida e sfrega finchè l'incrostazione non sarà stata rimossa: i microgranuli contenuti nella nuova formula di Bicarbonato Frutta & Verdura, sono efficaci ma non graffiano, in quanto nascono da un'attenta selezione dei cristalli di bicarbonato che tiene conto della loro dimensione e inoltre sono completamente solubili, al contrario delle polveri abrasive (quarzo, carbonato di calcio, ecc.) contenute nei detersivi tradizionali. Quindi anche le padelle antiaderenti possono stare tranquille;
  • un altro metodo, adatto a chi non ha molto tempo a disposizione, consiste nel cospargere la pentola o la padella incrostata con Bicarbonato Frutta & Verdura, aggiungere acqua e portare lentamente ad ebollizione: vedrai formarsi una schiuma bianca in superficie. Lascia bollire per alcuni minuti, poi, facendo attenzione a non scottarti, risciacqua sotto acqua corrente: tutti i residui si staccheranno facilmente, e la pentola tornerà come nuova!
Profumo di pulito
Say Goodbye to Scrubbing: Easy Cleaning Polymers

Bicarbonato Frutta & Verdura è efficace nel rimuovere e prevenire gli odori sgradevoli da tutte le superfici a quotidiano contatto con il cibo: il bicarbonato di sodio di cui è composto, infatti, si lega con i residui delle sostanze responsabili dei cattivi odori, eliminandoli.

E con Bicarbonato Frutta & Verdura in cucina c'è da stare tranquilli, perché si tratta di una sostanza di origine minerale, ad uso alimentare, quindi del tutto sicura.

Ma quali sono le situazioni "a rischio odore" per chi, come noi, ama vivere la cucina nel pieno rispetto dell'igiene?

  • taglieri e coltelli: aglio, cipolla... Ingredienti necessari in tante ricette, ma spesso responsabili di cattivi odori difficili da eliminare dagli accessori della cucina. Procedi così: crea un impasto con tre parti di Bicarbonato Frutta & Verdura e una di acqua, sfregalo con l'aiuto di una spugnetta sull'oggetto "incriminato" e risciacqua abbondantemente;
  • contenitori in plastica per alimenti. Anche tu ami portarti in ufficio il pranzo da casa? I cosiddetti tupperware, così comodi per trasportare il cibo, finiscono spesso per trattenere gli odori. Dopo averli lavati, immergili in una soluzione di acqua calda e Bicarbonato Frutta & Verdura (2 cucchiai - 50g di prodotto per ogni litro d'acqua), e lascia agire qualche minuto, poi risciacqua;
  • il frigorifero: un elettrodomestico indispensabile. Ma talvolta i formaggi, il pesce, le uova o alcuni tipi di alimenti tendono a lasciare tracce del loro passaggio...
  • Utilizza una soluzione di acqua e Bicarbonato Frutta & Verdura per la pulizia regolare del cassetto portaverdura, delle griglie e delle pareti, per tenere alla larga i cattivi odori e garantire l'igiene. L'idea in più? Utilizza Bicarbonato Frutta & Verdura per igienizzare anche il contenitore in plastica per i formaggi;
  • il forno: anche qui è presente il rischio di odori residui... E alle alte temperature gli eventuali residui di un detergente non idoneo rischiano di compromettere gusto dei nostri piatti. Passa una spugna imbevuta di acqua e il Bicarbonato Frutta & Verdura: un gesto quotidiano per garantire l'igiene di forno e microonde. 
Pentole, padelle & co.
Modern restaurant kitchen with stainless steel kitchenware and equipment

Per una corretta alimentazione, oltre a scegliere gli alimenti giusti è importante saperli cucinare nel modo più appropriato, per preservare il loro contenuto nutritivo. Ogni cottura, infatti, richiede materiali diversi: impariamo a conoscerli.

  • alluminio: leggero ed economico, è un ottimo conduttore di calore, ma è anche facile a rigarsi con l'uso prolungato e durante la pulizia. Per questo motivo la sua presenza nelle cucine si è man mano ridotta, anche se l'unica avvertenza resta quella di non utilizzarlo per conservare a lungo i cibi acidi: va bene per bollire il latte, per intenderci, non per farvi una besciamella, o per cuocervi il sugo di pomodoro;
  • acciaio inossidabile: è il materiale più diffuso nelle nostre cucine, inalterabile, non assorbe gli odori e quindi perfettamente igienico. L'unico limite resta quello della scarsa conducibilità del calore, con il rischio che i cibi si attacchino sul fondo, in corrispondenza della fiamma. Ecco perchè le migliori pentole in acciaio hanno il cosiddetto triplo fondo, composto da due dischi in acciaio e uno in alluminio, che, come dicevamo, essendo un ottimo conduttore, permette al calore di irradiarsi in modo uniforme. Diffida però delle pentole con fondo spessissimo, molto costose e talmente pesanti da essere quasi inutilizzabili. Un buon consiglio? Scegline una con spessore vicino ai 6mm. Indicato per lunghe cotture, come bolliti, brasati, stufati;
  • antiaderente: si tratta di pentole in alluminio rivestite con una pellicola in Teflon o Silver Stone, ovvero vernici che hanno il vantaggio di non far attaccare i cibi, per una cucina facile e senza grassi. E la salute? Niente allarmismi, sono perfettamente sicure fino ad una temperatura di 400°, molto difficile da raggiungere in cucina. Unica avvertenza: meglio utilizzare utensili in legno durante la cottura dei cibi, perchè quelli in metallo, graffiando le superfici, possono causare il distaccamento di piccole particelle che finiremmo per ingerire insieme ai cibi. Vanno quindi trattate con delicatezza, anche durante il lavaggio - ottimo in questo senso un pre-trattamento di acqua e Bicarbonato Frutta & Verdura, efficace nel rimuovere i residui senza graffiare. Ottime per cotture brevi e rosolature;
  • rame: è il materiale preferito dagli chef perché, trasmettendo ottimamente il calore, si adatta a molteplici cotture. Il rischio di rilascio di sostanze tossiche è stato risolto con l'applicazione di uno strato di stagno all'interno delle pentole. Gli utensili in rame restano comunque estremamente costosi, e per questo motivo non sono particolarmente diffusi al di fuori delle cucine professionali;
  • terracotta: assorbe il calore molto lentamente e va quindi destinata a cotture particolarmente lunghe come ad esempio le zuppe di legumi. Va ricordato che la vernice, utilizzata per rendere i colori dei recipienti in terracotta più brillanti, può rilasciare sostanze tossiche: vale quindi la pena acquistare un prodotto di qualità, anche se forse un po' più costoso;
  • vetro pyrex: si tratta di un vetro trattato in modo da resistere al calore. E' un ottimo materiale, perché inattaccabile dal cibo e facile da pulire, ma trasmette molto lentamente il calore: per questo motivo viene utilizzato per le cotture al forno.