Il bicarbonato Solvay: un valido aiuto per combattere l’acaro della polvere

Gli Acari della polvere sono la principale causa di allergie domestiche. Questi piccoli parassiti, dalle dimensioni microscopiche, si nutrono essenzialmente di scaglie che si staccano normalmente dalla pelle umana perciò si annidano nei luoghi della casa dove è più facile trovare questo tipo di cibo, come tappeti, moquette, poltrone, materassi e cuscini.

2_b_4_a

Dermophagoïdes Pteronyssimus:“acaro della polvere”, dimensioni 200-300 ╬╝m.
Parassita appartenente alla classe degli Aracnidi.


Recenti studi condotti da Solvay dimostrano che il bicarbonato di sodio è utile per contrastare l’acaro della polvere, infatti i cristalli di questo composto naturale hanno un’azione inibente sullo sviluppo dei parassiti.

Ad esempio è stato visto che spargendo una modesta quantità (20g/m2) di bicarbonato su una moquetteo su un tappeto, si ottiene una riduzione degli acari del 79% in 1 ora e del 100% in 2 ore. È sufficiente passare poi l’aspirapolvere per eliminare il prodotto: gli eventuali cristalli rimasti nelle fibre del tessuto serviranno a contrastare lo sviluppo degli acari fino alla successiva pulizia. Aumentando le dosi di bicarbonato, si arriva ai medesimi risultati, ma in tempi ancora più brevi (fig. 1). Inoltre, è stato provato che il bicarbonato non si limita ad abbassare il numero degli acari, ma ne riduce considerevolmente anche le uova.

acari-fig-1

Il bicarbonato agisce anche sciolto in acqua: infatti, basta immergere un tessuto in una soluzione di acqua e bicarbonato e, una volta asciutto, mostrerà un abbassamento nella proliferazione degli acari fino all’84% (fig. 2). Questo avviene perché la ricristallizzazione del bicarbonato sul tessuto ostacola lo sviluppo di nuovi acari.

acari-fig-2 

 

L’eccessiva umidità di alcune zone della nostra casa sono terreno fertile per lo sviluppo delle muffe, causa di molte allergie. Queste muffe potrebbero creare rapporti di simbiosi con alcuni tipi di acaro e innescare più facilmente fenomeni allergici.

Anche in questo caso il bicarbonato può essere l’arma vincente per ridurre la presenza della muffa nelle nostre case. Studi condotti da Solvay nel 2004 in collaborazione con l’Università di Brest in Francia, permettono di vedere meglio come il bicarbonato agisce su alcuni ceppi di muffa appartenenti al genere Aspergillus.

acari-fig-3

acari-3 

 

Queste scoperte, associate al fatto che il bicarbonato è un prodotto innocuo sia per l’uomo che per gli animali domestici e assolutamente ecocompatibile, ci fanno capire l’enorme valore di questa sostanza nel campo dell’igiene domestica quotidiana.

 

Il consiglio:

spargere 3 cucchiai (60 g)di Bicarbonato Solvay® su ogni metro quadro dellasuperficie da trattare, lasciare agire 2 ore e poi passare l’aspirapolvere.