Ambienti

Scopri i mille utilizzi del bicarbonato di sodio per pulire con la massima sicurezza tutte le stanze della tua casa e gli oggetti di uso quotidiano. Affidati a Bicarbonato Solvay®.
 

Come pulire il WC con Bicarbonato Solvay®
Large modern bathroom with luxury fittings

Tieni sempre a portata di mano nell’armadietto del bagno una confezione di Bicarbonato Solvay®: ti tornerà utile quando sarà giunto il momento di una pulizia approfondita dei sanitari.
Delicatamente abrasivo ed ecologico, oltre che di costo contenuto, lo puoi utilizzare in abbondanza per rimuovere incrostazioni e aloni, senza rischi per la ceramica e per l’ambiente, ma nemmeno per il portafogli.
In particolare, pulire il WC non rientra di certo tra i lavori più divertenti da svolgere in casa, ma ciononostante è un’operazione igienica che va fatta piuttosto di frequente, e con Bicarbonato Solvay® diventa tutto più semplice e "sostenibile" da ogni punto di vista.

Ecco allora il consiglio vincente: appoggia lo scopino di traverso sulla tazza aperta, poi cospargilo di abbondante bicarbonato, proseguendo versandone uniformemente sulle pareti interne, senza tralasciare la zona sotto il bordo del vaso, particolarmente difficile da pulire.
Lascia agire per tutta la notte, poi al mattino sfrega energicamente tutta la tazza con lo scopino stesso; aziona lo sciacquone e ammira il risultato.
Pulizia impeccabile con la ceramica rigenerata, di nuovo bianca e splendente come nuova, senza più traccia di incrostazioni di calcare o di quelle antiestetiche striature rugginose che si formano con lo scorrere dell'acqua.

Per un tocco igienizzante in più, sempre all’insegna dell'”eco-green”, puoi aggiungere al bicarbonato una decina di gocce di tea tree oil, un olio essenziale estratto dalle foglie di un albero australiano, dalle spiccate proprietà antibatteriche e deodoranti.
Per l’esterno del water, e soprattutto per l’asse in plastica, ci vuole qualche attenzione in più, passando ad esempio una spugnetta umida cosparsa di Bicarbonato Solvay®, per poi sciacquare con un’altra pulita e infine asciugare con un panno per evitare aloni.

Il pericolo di graffi infine non sussiste, in quanto i cristalli di Bicarbonato Solvay® hanno una particolare struttura che li rende perfetti per la rimozione dello sporco, ma allo stesso tempo anche per evitare danni alle superfici lavabili più delicate.

Bagno e doccia: pulizia e sicurezza

Per rimuovere tracce di calcare e muffa dal box doccia e far risplendere la vasca da bagno tieni sempre una confezione di Bicarbonato Solvay® nell'armadietto del bagno... e vedrai la differenza!

 

Ecco perché: 

  • il bicarbonato di sodio è, dal punto di vista chimico, un composto alcalino (ovvero ha un pH basico): questa sua caratteristica lo rende efficace nel contrastare la formazione di muffe e funghi, che possono formarsi in ambienti umidi come il bagno.
  • i suoi cristalli, se sfregato sotto forma di pasta acquosa, esercitano una delicata azione meccanica, che rimuove i residui dalle superfici.
  • le sue proprietà antiodore, permettono di eliminare anche gli dori persistenti.

 

Ecco come procedere: 

  • per pulire le superfici del box doccia cospargi una spugna umida con del Bicarbonato Solvay® e, poi sciacqua e asciuga.
  • utilizza lo stesso metodo per detergere le tende-doccia in plastica; in alternativa, lavale in lavatrice aggiungendo 3 cucchiai (75g) di prodotto al detersivo abituale e utilizzando un ciclo di lavaggio delicato.
  • elimina le tracce di muffa che il tappetino antiscivolo può lasciare sul piatto doccia, spargendo del Bicarbonato Solvay direttamente sulle macchie; lascia agire qualche minuto, poi sfrega e risciacqua.
  • lucida la vasca da bagno, sfregandone la superficie con una spugna umida, cosparsa con una pasta di acqua e Bicarbonato Solvay® (3 parti di polvere e 1 di acqua); risciacqua e asciuga con un panno (quest'operazione puoi farla anche sulle vasche in fibra di vetro).
  • utilizza il Bicarbonato Solvay® anche per rimuovere le tracce di calcare dai rubinetti e dai sanitari in porcellana: forma un impasto con acqua e Bicarbonato Solvay (3 parti di polvere, 1 di acqua) e sfregalo sull'area da pulire con una spugna umida.

 

Il consiglio:

per rimuovere le tracce di calcare e muffa dal box doccia, dai sanitari e per lucidare la vasca da bagno, forma un impasto con 3 parti di Bicarbonato Solvay® e 1 di acqua; quindi spargilo su una spugna e sfregalo direttamente sulle superfici da lavare.

 

La confezione ideale da tenere a portata di mano:

  • Bicarbonato Solvay® da 1 kg adatta ai forti consumi, o
  • Bicarbonato Solvay® nella confezione in plastica da 750g adatta agli ambienti umidi, come il bagno.
Pulizia della casa: il planning settimanale
Blonde young woman cleaning bathroom

Nella pulizia della casa, come nella vita, l’organizzazione è tutto.
Purtroppo, in tema di pulizie domestiche, la questione non è affatto semplice, soprattutto se si devono gestire allo stesso tempo casa, figli e lavoro.

 

Per ottimizzare il tempo a disposizione, è perciò molto utile creare un planning settimanale, con cui pianificare in ogni dettaglio la suddivisione dei lavori da sbrigare ogni giorno. Può sembrare un’inutile complicazione, ma una volta che si riesce ad acquisire questa abitudine, prendendo confidenza con il sistema, i vantaggi si faranno subito sentire e basteranno pochi secondi per avere ben chiaro in mente le cose da fare giorno per giorno.

Naturalmente inutile dire che con l’aiuto di uno specialista dei lavori in casa come Bicarbonato Solvay® tutto sarà ancora più semplice, quindi nel vostro planning non dimenticate di inserire anche il promemoria di farne una bella scorta da tenere sempre a disposizione!

 

Un buon planning dovrebbe essere realizzato mediante una semplice tabella con 4 colonne a rappresentare i vari ambienti della casa - cucina, soggiorno, bagno, camere - riportando sulle righe orizzontali giorni della settimana e i vari lavori di pulizia da svolgere per ognuno, spuntandoli quando fatti.

In questo modo sarà più semplice rispettare i tempi, salterà all’occhio ogni eventuale ritardo, e soprattutto si riuscirà a fare le cose un po’ alla volta ogni giorno, evitando estenuanti maratone di pulizia nel weekend.

Naturalmente esistono moltissimi programmi o app da scaricare sullo smartphone per semplificare la realizzazione e la gestione del planning, ma anche un semplice foglio di carta A4, magari da attaccare in evidenza sul frigorifero, andrà benissimo.

 

Un aiuto indispensabile

Anche con questo metodo però, rispettare i tempi facendo tutto da sola, senza un aiuto, sarebbe difficile. Per fortuna puoi sempre contare su Bicarbonato Solvay®, indispensabile per tutti i lavori, anche quelli più delicati e meno gradevoli.

Pulire il WC, ad esempio, non è mai stato così semplice e dal risultato perfetto.


Ma con il bicarbonato diventa un gioco da ragazzi anche pulire tutte le superfici lavabili, come il piano cucina o i sanitari e il box doccia, senza paura di lasciare residui nocivi o di danneggiare i materiali.

In più ci sono alcune faccende che è in grado di svolgere “in autonomia”, con un bel risparmio di tempo per te. Ad esempio impedire il formarsi di cattivi odori nel frigorifero o negli armadietti: basta lasciarne una confezione aperta all’interno, e la sua capacità di neutralizzare e assorbire gli odori farà il resto.

 

Un esempio pratico
èovviamente difficile dare indicazioni precise su lavori e cadenza temporale, poiché ci sono molte variabili a riguardo: grandezza della casa, numero dei locali, presenza di bambini, animali domestici in casa, tempo effettivamente a disposizione, e non ultime le priorità individuali di ciascuno.

In linea di massima si può dire che il pavimento di bagno e cucina andrebbe lavato ogni giorno, mentre ad esempio il forno si può pulire una sola volta la settimana, così come i sanitari e il box doccia.

Naturalmente il tutto può essere replicato su base mensile, inserendo lavori meno frequenti, come la pulizia degli armadietti della cucina o del frigorifero.

Operazione grandi pulizie
Smiling man standing in kitchen of his apartment cleaning countertop

I lavori in casa più impegnativi, quelli che vanno assolutamente sbrigati almeno una volta all’anno, sono di solito faticosi e noiosi, ma diventano più semplici e veloci da sbrigare con l’aiuto di Bicarbonato Solvay®.

 

Con la primavera arriva anche un’incombenza praticamente obbligatoria: le grandi pulizie di casa. Vissute spesso come una specie di “incubo”, possono invece trasformarsi in un’esperienza gratificante e, grazie all’esperienza di uno specialista come Bicarbonato Solvay®, anche gli angoli più nascosti, ignorati o quasi per tutto l’inverno, torneranno a splendere con poca fatica. Come mai li hai visti prima.

I segreti sono sostanzialmente due: organizzazione e il prodotto giusto.

Per il primo punto ci vuole un po’ di predisposizione mentale per evitare di “girare a vuoto”, ma pianificando ogni cosa nei dettagli, magari stilando una lista delle cose da fare, riuscirai a venirne a capo senza difficoltà. Per il secondo non c’è problema: con Bicarbonato Solvay®, hai a disposizione un prodotto versatile ed efficace in mille situazioni, con caratteristiche ideali proprio per la pulizia degli ambienti più complicati da pulire correttamente.

Non resta allora che dare uno sguardo ai 5 punti strategici dell’operazione “grandi pulizie di primavera”.

 

Via il superfluo

Gli americani lo chiamano “decluttering”, ovvero “togliere quello che ingombra”. Tutti ci siamo trovati prima o poi con cassetti pieni di oggetti che non usiamo mai e che ci impediscono di trovare quello che invece ci serve. Le statistiche dicono inoltre che in media un terzo degli indumenti che abbiamo nell’armadio non vengono mai indossati.

Meglio allora buttare o regalare. Eliminare il superfluo ti aiuta a recuperare spazio, ma soprattutto a ritrovare una casa più facile da pulire e da tenere in ordine.

 

Scaffali, armadi e cassetti

Svuota tutto, poi come detto elimina senza rimpianti quello che non usi; in particolare per la cucina, ricordati di controllare i barattoli “dimenticati”, buttando i prodotti scaduti, poi vai di pulizia.

Procedi sempre dall'alto al basso eliminando la polvere accumulata, poi con una spugnetta umida cosparsa di Bicarbonato Solvay® sfrega bene le superfici lavabili per eliminare i residui di sporco e grasso, e infine passa una spugnetta pulita e lascia asciugare bene prima di rimettere a posto gli oggetti.

Un consiglio in più? In armadietti chiusi e scarpiere lascia sempre una confezione aperta di Bicarbonato Solvay® per eliminare umidità e odori residui.

 

Tende

Hanno accumulato polvere e sporco per tutto l’inverno, soprattutto a causa dei termosifoni, e ora sono “tristi” e letteralmente ingrigite, ma con Bicarbonato Solvay® ci vuole poco a far tornare candide le tende.
Lasciale a bagno per un paio d’ore nella vasca con acqua tiepida, in cui avrai sciolto 3 cucchiai di bicarbonato, 2 di sapone di Marsiglia in scaglie e 1 di aceto bianco, poi lavale in lavatrice con ciclo delicato.

Se vuoi evitare di stirarle appendile ancora umide, ma prima di rimetterle a posto ricordati di pulire e sgrassare bene anche bastoni e supporti, sempre con acqua e bicarbonato.

 

Poltrone, tappeti e moquette
Tutti i tessuti della casa che non possono essere lavati in lavatrice sono un deposito “naturale” di sporco, polvere e batteri, e in più tendono ad assorbire gli odori sgradevoli come il fumo, così ogni tanto necessitano di una pulizia approfondita.
Cospargi poltrone, divani e tappeti con qualche manciata di Bicarbonato Solvay®, lascia agire per almeno un’ora poi passa l'aspirapolvere. Per un trattamento più “deciso”, al termine puoi sfregare bene con una spazzola umida, così da ravvivare anche i colori.

 

Vetri

Sempre difficili da pulire senza lasciare macchie o aloni, i vetri hanno bisogno di qualche attenzione particolare per tornare brillanti. Smog e pioggia lasciano tracce ostinate, che puoi eliminare nel seguente modo. Riempi uno spruzzino con acqua calda, scioglici 1 cucchiaio di Bicarbonato Solvay® e 1 di aceto bianco, nebulizza su tutta la superficie, lascia agire per un minuto, poi passa una spugnetta e infine un panno morbido asciutto per far risplendere il vetro.

Per una pulizia davvero completa non dimenticare tapparelle e infissi: per pulirli a fondo prova con una spugna imbevuta di acqua calda e Soda Solvay, prodotto incredibilmente efficace nello sgrassare ogni superficie senza fare schiuma.

Lo sporco che non ti aspetti: i 3 posti meno igienici della casa

L’igiene prima di tutto. Ma sei sicura che le fatiche di ogni giorno per tenere pulita la casa rispondano alla certezza di vivere in ambienti sicuri dal questo punto di vista?
In ogni casa, in realtà, esistono punti precisi in cui germi e batteri proliferano indisturbati, e il problema è che si tratta di luoghi e oggetti del tutto inaspettati, anche se tra quelli maggiormente utilizzati.
Per fortuna però Bicarbonato Solvay® è un professionista del pulito: conosce tutti i posti più sporchi della tua casa e ti svela qui di seguito quelli a cui forse non avevi mai pensato, insieme a qualche consiglio di pulizia.

Spazzolino da denti
Parlando di igiene e pulizia in bagno si pensa subito al WC e agli altri sanitari, ma in verità in questa stanza c’è un oggetto ben più sporco, e lo mettiamo in bocca tutti i giorni…
Lo spazzolino da denti, secondo una recente ricerca, ospita fino a 100 milioni di batteri, la cui proliferazione è favorita dall’umidità costante della testina.
Lavarlo regolarmente con Bicarbonato Solvay® aiuta senz’altro a mantenerlo in buone condizioni igieniche, ma non dimenticare di lavare anche il porta spazzolini!
Leggi qui per sapere come fare.

Taglieri, strofinacci e spugnette
La cucina dovrebbe essere un presidio dell’igiene in casa, invece spesso, tra stoviglie, residui di cibo, umidità e angoli nascosti, si annidano sporcizia e batteri. Rubinetti, lavello, piani di lavoro, ecc., anche se in apparenza sembrano puliti, in realtà nascondono germi in abbondanza.
In particolare gli oggetti che restano umidi a lungo favoriscono la proliferazione batterica e necessitano di un trattamento speciale. Usare regolarmente Bicarbonato Solvay® per il lavaggio e la pulizia di taglieri, strofinacci e spugnette è un ottimo metodo per prevenire la formazione di muffe e cattivi odori. Il tagliere (lo stesso procedimento va bene per il piano cucina...) va sfregato con una pasta di acqua e bicarbonato e poi sciacquato; le spugnette invece si possono lasciare a bagno per qualche ora in una soluzione di acqua calda e due cucchiai di bicarbonato, poi lavate e strizzate bene; per gli strofinacci infine basta lavarli spesso in lavatrice, aggiungendo un cucchiaio di bicarbonato al normale detersivo, per eliminare ogni odore residuo.

Pattumiera
Soprattutto nel secchio della raccolta differenziata dei rifiuti umidi, si verifica una abbondante proliferazione batterica già poche ore dopo aver gettato gli scarti di cibo fresco.
Questo si manifesta principalmente con cattivo odore, perciò è necessario svuotare e lavare spesso il contenitore. Tra uno svuotamento e l’altro, un accorgimento prezioso che aiuta a tenere sotto controllo la formazione di odori sgradevoli è quello di spargere una manciata di Bicarbonato Solvay® sul fondo del secchio e un’altra ogni volta che butti nuovi rifiuti.Inoltre, per evitare che i batteri "traslochino" all'interno dell'armadietto in cui si trova la pattumiera, meglio lavare bene ogni giorno tutte le pareti interne con una soluzione di acqua e bicarbonato.

…Per finire ecco un ultimo consiglio: telecomando delle TV, tastiera e mouse del PC, per la loro conformazione costituiscono una “tana” ideale per i batteri, perciò meglio pulire bene e spesso questi oggetti (spesso invece non lo facciamo MAI), cercando di penetrare in ogni piccolo interstizio. Molto utili per questo scopo le bombolette di aria compressa, in associazione a un panno umido e giusto qualche goccia di detersivo neutro da passare bene su tutti i tasti.

Una casa più "green" è possibile. I 5 consigli top
Home sweet home

Ti piacerebbe vivere in una casa salutare, più ecologica e sostenibile?

Una pulizia efficace e veloce è il modo migliore per risparmiare tempo ma anche per usare meno prodotti detergenti tradizionali.

Con l’aiuto di Bicarbonato Solvay® e qualche piccolo accorgimento sarà molto più semplice di quanto credi.
Ecco allora i 5 consigli top per la pulizia della casa intelligente.

 

Poco e spesso

Invece di pulire tutto quanto una volta a settimana, dedicando parte del weekend a questa incombenza, prova a utilizzare solo 30 minuti ogni giorno per sbrigare tante piccole faccende, senza lasciare che si accumulino diventando meno gestibili. Ad esempio, sistemare regolarmente la cucina dopo ogni pasto, grazie anche all'aiuto di Bicarbonato Solvay®, ti porterà via non più di 10 minuti, e così anche pulire il bagno prima di andare a letto, o dare una veloce passata di aspirapolvere in salotto.

Insomma, il concetto è che basta fare poco alla volta per far risaltare ordine e pulizia.

 
Fuori le scarpe

Shoes

Buona parte della sporcizia della casa arriva dalle suole delle scarpe: camminare per strada e poi sul pavimento con le stesse calzature non è igienicamente raccomandabile, in quanto si favorirebbe la diffusione nell’ambiente domestico di germi e batteri provenienti dall’esterno: sotto una singola suola se ne contano fino a 400.000… 
Il rimedio è semplice: una scarpiera all’ingresso o, se consentito, sul pianerottolo, in cui lasciare le scarpe prima di entrare in casa. 

Un consiglio in più? Una confezione aperta di Bicarbonato Solvay® lasciata all’interno della scarpiera aiuta a prevenire la formazione di umidità e cattivi odori. 

 

Detersivo fai da te

Realizzare da soli in casa un detersivo “ecologico” per il bucato significa senza dubbio risparmiare, ma soprattutto limitare l’utilizzo di prodotti contenenti tensioattivi, e anche ridurre la quantità di rifiuti, riciclando i vecchi flaconi di plastica.

Il procedimento è molto semplice e grazie alle caratteristiche pulenti di Bicarbonato Solvay® il risultato sarà di grande efficacia.

 

Bicarbonato su ogni superficie

Pavimenti, piani cucina, mobili e sanitari: Bicarbonato Solvay® rimuove efficacemente lo sporco da ogni superficie lavabile. La particolare struttura dei suoi cristalli li rende delicatamente abrasivi, ma senza il rischio di graffiare le superfici.

Per un’azione più intensa puoi realizzare una pasta con tre parti di bicarbonato e una di acqua, e sfregarla con una spugnetta direttamente sullo sporco da rimuovere. 
Per una pulizia "normale" basta invece sciogliere un cucchiaio di bicarbonato in un litro d'acqua tiepida e usare la miscela come un comune detergente, con la differenza che non resterà nessun residuo nocivo.

 

Piatti e stoviglie: doppio vantaggio

Ecco un metodo semplicissimo per far durare il doppio il detersivo per i piatti, con due vantaggi evidenti: si risparmia e non si inquina più del necessario. 
Basta riempire una pentola con un litro d’acqua, poi farla scaldare senza arrivare al bollore e aggiungere due cucchiai di Bicarbonato Solvay®, facendolo sciogliere bene. Quando il tutto si sarà raffreddato diluisci un litro di normale detersivo per i piatti: magicamente avrai raddoppiato il volume del detersivo, che però, grazie al bicarbonato, avrà la stessa efficacia pulente e deodorante dell’originale. 

Le 5 cose che hai sempre pulito nel modo sbagliato

Con Bicarbonato Solvay® puoi cambiare il tuo modo di pulire gli oggetti che usi ogni giorno, usando meno detersivi o detergenti tradizionali.

Una perfetta “rivoluzione green”: un mix di efficacia, attenzione all’ambiente e risparmio con risultati perfetti, perché Bicarbonato Solvay® costa poco, non lascia residui dannosi e soprattutto rimuove grasso e sporco in modo semplice e veloce da tutte le superfici lavabili. Cosa chiedere di più?

 

Vediamo allora le 5 cose che fino ad oggi hai probabilmente pulito nel modo meno indicato.

 

Teglie e pentole – Il detersivo non basta

Per eliminare le incrostazioni più difficili dalle stoviglie, come i residui di grasso bruciato sulla teglia da forno, non è sufficiente il normale detersivo liquido per i piatti, e nemmeno il passaggio in lavastoviglie, che con l’asciugatura rischia di peggiorare la situazione.
Come fare allora? Riempila di acqua calda e sciogli un cucchiaio abbondante di Bicarbonato Solvay®, aspetta 15 minuti poi passa con un spugnetta e se necessario ripeti l’operazione sfregando bene con una pasta morbida di acqua e bicarbonato. Risultato? Teglia lucida come mai usata.

 

Tagliere – Attenzione agli odori

Il tagliere che usi tutti i giorni, se “trascurato”, può favorire la proliferazione di germi e batteri, oltre che dei cattivi odori. Perpulirlo a fondo, eliminando allo steso tempo gli odori sgradevoli residui, come quello della cipolla, sfregalo bene dopo ogni utilizzo con una spugnetta umida cosparsa di Bicarbonato Solvay®, risciacqualo e asciugalo bene per evitare la formazione di muffe. Un prodotto a uso alimentare come Bicarbonato Solvay® è la scelta più sicura per la pulizia delle superfici chevengono a contatto con i cibi.

 

Forno a microonde – Sicurezza totale

Usare i comuni prodotti sgrassantiper la pulizia del microonde rischia di lasciare residui profumati, o peggio nocivi, sui cibi. Bicarbonato Solvay®, invece, è un prodotto completamente innocuo e sicuro, in grado anche di neutralizzare i cattivi odori senza profumare. Passa bene l’interno del forno con una spugnetta imbevuta di una soluzione di acqua e bicarbonato per sgrassare a fondo, poi lascia una confezione aperta di bicarbonato chiusa all’interno per scongiurare definitivamente la formazione di odori sgradevoli.

 

Tapparelle – Velocità e risultati

Rimandi sempre il momento di pulire tapparelle e veneziane perché è un lavoro lungo, noioso e dai risultati spesso insoddisfacenti? Probabilmente non hai mai provato con Bicarbonato Solvay®. Ecco il consiglio: prepara una soluzione di acqua calda, bicarbonato e aceto, poi infila un vecchio calzettone come un guanto, imbevilo nel “preparato” e passa bene orizzontalmente ogni singola listarella.
Un trucco per il lato esterno? Usa il classico “mocio” lavapavimenti.

 

Spazzolino da denti – L’igiene orale che cercavi

Lavarsi i denti almeno due volte al giorno fa parte della normale prassi di igiene orale, che tutti certamente seguiamo. Moltissime persone però non sanno che lo “strumento” indispensabile all’operazione, cioè lo spazzolino da denti, oltre a dover essere sostituito almeno ogni 2 mesi, va anche pulito regolarmente, per non comprometterne l’efficienza.
Per eliminare i residui di calcare dalla testina o altre impurità rimaste intrappolate tra le setole, lascialo perciò a bagno per tutta la notte in un bicchiere con acqua calda, Bicarbonato Solvay® e qualche goccia di limone. Tornerà come nuovo.

Un consiglio in più? Prova un collutorio casalingo con un cucchiaino di Bicarbonato Solvay®sciolto in un bicchiere d’acqua: non irrita e ti garantisce una sensazione di freschezza tutta naturale.

Un bagno di relax
female massaging her legs with sponge in the tub

Stanchezza e stress spariscono come per magia quando entriamo nella vasca da bagno, meglio ancora se utilizziamo il Bicarbonato Solvay®!

Alcuni accorgimenti renderanno il tuo bagno davvero speciale. Partiamo dall'acqua, che deve avvicinarsi alla temperatura del nostro corpo (37°C circa). Temperature superiori, infatti, darebbero una spiacevole sensazione di spossatezza. 

Una volta riempita la vasca, versa nell'acqua mezza tazza (150g) di Bicarbonato Solvay®, che non solo addolcisce l'acqua evitando che secchi la pelle, ma lascia anche la piacevole sensazione di una pelle liscia e morbida.

 

In più puoi aggiungere: 

  • una manciata di foglie di salvia per un bagno rinfrescante, ottimo in estate;
  • oli essenziali a base di latte, ippocastano e pompelmo per una pelle levigata e tonica;
  • biancospino e camomilla per un bagno rilassante.

 

Il tempo non è un problema: 10 - 15 minuti in acqua ti doneranno il benessere che volevi!

E dopo aver pensato al corpo, dedicati al viso grazie al vapore, che stimolando la microcircolazione, migliora l'ossigenazione dei tessuti e, aprendo i pori, favorisce l'eliminazione delle impurità e facilita la penetrazione e l'assorbimento dei principi contenuti nella crema o nella maschera di bellezza. Versa dell'acqua calda in una bacinella e aggiungi un cucchiaio (25g) di Bicarbonato Solvay®. Copri la testa con un asciugamano e fai agire il vapore per circa 10 minuti (facendo attenzione a non scottarti).

 

Il consiglio:

mezza tazza (150g) di Bicarbonato Solvay® nell'acqua calda del bagno; 1 cucchiaio (25g) aggiunti ad acqua calda per un bagno di vapore al viso.

 

La confezione ideale da tenere a portata di mano:

Bicarbonato Solvay® nella confezione in plastica da 750g, adatta agli ambienti umidi, come il bagno.

Idromassaggio casalingo

Un idromassaggio casalingo e profumato? Con il Bicarbonato Solvay® puoi realizzare da sola le famose bath balls, le sfere effervescenti in grado di rendere il bagno profumato e frizzante. In questo modo trasformerai il momento del bagno in un trattamento di bellezza vero e proprio e avrai una pelle sempre morbida!

 

Ecco come procedere. Ingredienti: 

  • 2 cucchiai (50g) di Bicarbonato Solvay®;
  • 1 cucchiaio di acido citrico (in farmacia);
  • 2 cucchiai di burro di cacao;
  • 10 gocce di olio essenziale (la fragranza che preferite: lavanda, gelsomino, ylang-ylang, ecc.).

 

Fai fondere il burro di cacao a bagnomaria, togli dal fuoco, lascia parzialmente raffreddare e aggiungi il Bicarbonato Solvay® e l'acido citrico, poi le gocce di olio essenziale. Forma delle palline e lasciale asciugare, in un luogo secco, per 10 giorni. In alternativa puoi versare l'impasto in uno stampo (come quello dei cubetti di ghiaccio) e conservarlo nel freezer. Una volta consolidato l'impasto, avvolgi una ad una le forme ottenute nella carta stagnola e conservale nel frigorifero.

Un consiglio "brillante" per rendere le tue bath balls ancora più allegre? Una manciata di brillantini iridescenti, oppure qualche goccia di colorante naturale in aggiunta agli ingredienti consigliati.

 

Il consiglio:

2 cucchiai (50g) di Bicarbonato Solvay® da unire agli altri ingredienti.

 

La confezione ideale da tenere a portata di mano:

Bicarbonato Solvay® nella confezione in plastica da 750g, adatta agli ambienti umidi, come il bagno.

Riutilizza Bicarbonato Solvay®
Green energy concept, PowerSolvay One Planet

Grazie alle sue proprietà chimico – fisiche, Il Bicarbonato Solvay® è in grado di neutralizzare gli odori in tutti gli ambienti chiusi della casa. Come utilizzarlo? In un recipiente idoneo, posizionato nel frigorifero, negli armadietti della biancheria e delle scarpe, sotto il lavello… da sostituire ogni 3 mesi. Quando il prodotto comincia ad esaurire il suo potere neutralizzante, usalo per rivestire il fondo del bidone della spazzatura, prima di infilarvi un sacchetto nuovo, oppure, gettane una manciata direttamente sui rifiuti.

Le 3 cose che odi pulire
three fingers

Ci sono lavori “antipatici” che anche controvoglia in casa vanno proprio fatti - e con regolarità - principalmente per una questione di igiene, ma anche perché mantenendo un certo livello di pulizia in alcune zone “delicate”, non rischi che la situazione ti “scappi di mano”, e tutto sarà poi più semplice da gestire.

Ecco la nostra top 3 delle cose più noiose e sgradevoli da pulire, ma che con l’aiuto di Bicarbonato Solvay® diventa un gioco da ragazzi mantenere sempre in condizioni perfette.

 

1 - WC

Il gradino più alto del podio di questa “sgradevole” classifica spetta di diritto al WC.
Del resto a chi piace pulire il water? Purtroppo ti tocca farlo di frequente, perciò almeno cerca di rendere tutto più semplice mettendo in pratica i “trucchi vincenti” di Bicarbonato Solvay®. Questo ti piacerà perché non dovrai infilare le mani nella tazza per sfregare. Ecco come fare: alla sera appoggia lo scopino nella tazza aperta, poi versa abbondante bicarbonato, spargendolo uniformemente sulle pareti interne e sullo scopino. Lascia agire per tutta la notte, poi al mattino sfrega energicamente tutta la tazza con lo scopino stesso; aziona lo sciacquone e vedrai la ceramica tornare splendente senza nessuna fatica… e senza il rischio di graffiarla, perché i cristalli di Bicarbonato Solvay® sono particolarmente delicati anche sulle superfici più difficili.

 

2 - Frigorifero

Un frutto dimenticato in fondo al cassetto, del formaggio avanzato o qualche goccia colata dal sacchetto del pesce…

Il frigo è un “terreno minato”, nel quale basta un pizzico di disattenzione per creare effetti molto sgradevoli dal punto di vista igienico e olfattivo.
L’umidità interna può favorire la proliferazione di batteri nocivi, perciò la pulizia di questo elettrodomestico deve essere frequente (almeno 2 volte al mese) e molto approfondita. Svuotare ogni volta i ripiani interni, pulire con cura e poi risistemare tutto è piuttosto noioso, ma va assolutamente fatto per la tua sicurezza alimentare.

Qui l’utilità di Bicarbonato Solvay® si manifesta in due direzioni: prevenire la formazione dei cattivi odori e pulire in modo approfondito quando serve.

Ecco come fare per mantenere deodorato il frigorifero. Lascia sempre una ciotola piena di bicarbonato su un ripiano interno: le sue caratteristiche di alcalinità sono in grado di neutralizzare gli odori origine acida.
Per la pulizia periodica invece puoi fare così: sciogli 2 cucchiai di bicarbonato in mezzo litro d’acqua tiepida e utilizza la soluzione come un normale detergente, poi ripassa con una spugna umida. E ricorda che Bicarbonato Solvay® è una sostanza a uso alimentare, perciò ideale per la pulizia di un elettrodomestico dedicato proprio alla conservazione dei cibi.

 

3 - Forno

Tenere pulito il forno, senza odori, incrostazioni o residui bruciati, è cosa piuttosto difficile che necessita di un impegno costante, ma con Bicarbonato Solvay® il lavoro sarà molto più semplice e il risultato perfetto.

Ecco come fare. Innanzitutto devi pulirlo ogni volta dopo aver cucinato qualcosa: gli schizzi di grasso sono più difficili da eliminare se si lasciano bruciare in successivi utilizzi, e lo stesso vale per il cattivo odore, ad esempio quando cuoci del pesce.

Ecco come fare. Per una pulizia “leggera” puoi utilizzare una soluzione di acqua e bicarbonato (2 cucchiai sciolti in mezzo litro) e lavare l’interno con una spugnetta: un ottimo modo per sgrassare e prevenire gli odori.

Quando invece ci sono residui più tenaci da rimuovere, come quelli di grasso bruciato, utilizza una pasta con 3 parti di Bicarbonato Solvay® e 1 di acqua, sfregandola energicamente con una spugnetta dove serve, poi risciacqua e asciuga. Il risultato ti sorprenderà anche con sporco apparentemente “impossibile”. Inoltre non corri il rischio di graffiare lo smalto della superficie interna, perché i cristalli di bicarbonato sono efficaci nel rimuovere lo sporco, ma anche molto delicati.

Il vantaggio in più: il bicarbonato non lascia residui nocivi o tracce di odore sui cibi, così non rischi di rovinare i tuoi piatti.