Esterni

Pulisci il terrazzo, il balcone e tutti gli esterni della casa con Bicarbonato Solvay®. Anche in giardino può essere d’aiuto grazie alla sua estrema versatilità.

Piscina più "dolce" con Bicarbonato Solvay®
High angle shot of boy with sleeves floats on diving board preparing for dive in the pool

Aggiungere regolarmente Bicarbonato Solvay® all’acqua della piscina aiuta a stabilizzarne il pH, mantenendone la giusta alcalinità. Questo aspetto è fondamentale nell’uso e nella manutenzione della vasca, perché un valore equilibrato aumenta l’efficacia del disinfettante impiegato, limitando lo sviluppo di alghe e calcare e conservando l’acqua limpida.

Un pH troppo basso, invece, significa acidità eccessiva, con conseguente rischio di danni agli accessori in metallo della piscina, al sistema di filtraggio e alle pareti, nonché bruciore agli occhi, prurito e irritazioni della pelle.

Ma qual è il livello corretto? L’intervallo ritenuto ideale è compreso tra 7,2 e 7,6, e in commercio esistono pratici kit per misurarlo.

Valori inferiori a 7 sono da considerare acidi, ed è necessario correggerli, innalzandoli con prodotti adatti. Molto indicato per questo scopo Bicarbonato Solvay®, la cui leggera alcalinità è perfetta per mantenere sotto controllo un pH troppo basso; senza contare che garantisce un utilizzo estremamente sicuro, trattandosi addirittura di una sostanza a uso alimentare.
 

Come fare?

Per aggiungere la giusta quantità di bicarbonato è naturalmente necessario calcolare quanti litri d’acqua contiene la piscina e conoscere con precisione il valore di pH da correggere, infine aggiungere il bicarbonato mentre la pompa è in funzione.

In breve:

per alzare un pH compreso tra 7,0 e 7,2, aggiungere 55 g di bicarbonato ogni 10 litri d'acqua.

Per valori tra 6,6 e 7,0, aggiungere 85 g ogni 10 litri d'acqua.

Dopo circa un’ora vanno misurati i valori, e se dovessero risultare ancora troppo bassi si può aggiungere altro bicarbonato.

 

Un consiglio in più

Sempre a proposito di piscina, Bicarbonato Solvay® è utile anche per eliminare quel fastidioso odore di cloro che a volte resta su asciugamani e accappatoi anche dopo il lavaggio in lavatrice. Basta aggiungerne due cucchiai al normale detersivo, a mano o in lavatrice, oppure direttamente nell’acqua del risciacquo, per far tornare la spugna fresca e “profumata di pulito”, come non fosse mai stata usata.

Il vantaggio di Bicarbonato Solvay® è che, grazie alla sua capacità “neutralizzante”, è in grado di impedire la formazione degli odori sgradevoli, senza bisogno di coprirli con altre sostanze profumate, come fanno invece i comuni deodoranti per tessuti.

Zanzare, che scocciatura

Complice il clima ormai impazzito di questi ultimi anni, le zanzare nelle nostre città sono diventate una presenza fastidiosa praticamente per tutto l'anno, e non solo nelle calde serate estive. Una bella scocciatura, soprattutto per il prurito causato dalle punture. Niente paura, Bicarbonato Solvay® ha un rimedio semplice ed efficace: applica sulla parte "colpita" un impasto di acqua e bicarbonato, massaggiando delicatamente, e il sollievo sarà immediato.
Il vantaggio è di usare un prodotto innocuo e delicato, che non irrita la pelle e anzi la lascia morbida e vellutata.

Formiche, dietrofront!

Sulla terra vivono circa 10 milioni di miliardi di formiche, ovvero circa 2 milioni per ogni essere umano. Un numero impressionante. Vuoi forse credere che mai nessuna sia passata o passerà da casa tua? E se nel caso si trovasse bene e decidesse di invitare la famiglia? 

Battute a parte (...ma i numeri sono reali), specie nei cambi di stagione le formiche si danno un gran da fare per trovare il posto dove costruire il nuovo nido o semplicemente un rifugio temporaneo: ciò potrebbe creare notevoli problemi sia in casa che sul terrazzo o in giardino.

I minuscoli insetti prediligono ambienti umidi e bui, perciò fessure o intercapedini nei muri, in particolare dietro a lavelli, vasche o sanitari costituiscono ripari ideali.

Ricordati che si tratta di animali prevalentemente notturni, nonché microscopici, così spesso la loro presenza rischia di passare inosservata. Quando noti singoli esemplari vicino alle zone "a rischio", faresti meglio a effettuare un’ispezione minuziosa, prima che la situazione ti sfugga di mano e la semplice presenza si tramuti in infestazione.

Le formiche sono in perenne ricerca di cibo per sostentare la colonia, così il metodo più efficace  per tenerle lontane è quello di non lasciare mai in giro alimenti dei quali sono ghiotte - come quelli zuccherini - in grado di attirarle anche da grandi distanze.

È importante inoltre avere particolare cura nella pulizia della cucina e di tutti gli ambienti che contengono cibo. Evita sempre di lasciare i piatti sporchi nel lavandino, e lo stesso dicasi per le ciotole del cibo di cani e gatti.

A questo scopo risulta di grande utilità pulire spesso armadietti, ripiani e lavandini (...a volte le formiche risalgono anche gli scarichi) con Bicarbonato Solvay®, che igienizza in modo naturale, neutralizzando anche gli sgradevoli odori che invece tanto piacciono alle formiche.

Sono sufficienti due cucchiai di Bicarbonato Solvay® diluiti in ½ litro d’acqua per ottenere un ottimo detergente atossico e non inquinante.

Se malaugaratamente tutti i tuoi accorgimenti risultassero tardivi, e dovessi trovarti a fronteggiare una vera "invasione", un modo molto semplice e del tutto naturale (quindi anche a prova di bambino) di sbarazzarsi delle formiche  - ma anche di forbicine, millepiedi e altri insetti "di casa" - è mettere in un contenitore raggiungibile facilmente, ma con le pareti interne completamente lisce, un cucchiaio da tavola di Bicarbonato Solvay® e uno di zucchero a velo. Gli insetti, attirati dall’aroma dolce, entrano nella ciotola e mangiano la miscela, per loro nociva.

Una volta debellati gli "ospiti", Bicarbonato Solvay® è utile anche per impedirgli di tornare a infastidirti: versarne regolarmente un po’ nello scarico del lavandino e spargerne una sottile linea sui davanzali, negli angoli nascosti e lungo gli zoccolini della cucina, creerà una sorta di barriera invalicabile. Per aumentare l’efficacia dell’intervento puoi unire a Bicarbonato Solvay® del normalissimo borotalco: l’esatto motivo non è noto, ma questa miscela risulta assai sgradevole per gli insetti.

La pulizia del barbecue

Ami le domeniche all'aria aperta e le gite in campagna? Con il Bicarbonato Solvay® puoi mantenere sempre pulite griglie, piastre e accessori per il barbecue, così come sedie e tavoli da esterni per le tue grigliate in compagnia!

 

Mobili da esterni

I mobili da giardino sono sempre esposti alle intemperie, ma bastano alcuni accorgimenti per proteggerli e farli durare più a lungo.

Per rimuovere tracce di sporco dalle sedie e dal tavolo in plastica, passali con una soluzione di acqua calda e Bicarbonato Solvay® (2 cucchiai per ogni litro d'acqua). Sfrega con l'aiuto di una spugna o di un panno le parti da detergere, quindi sciacqua.

A fine estate, prima di riporre in cantina mobili e accessori da esterni, per tenere lontane muffa e umidità, cospargi i contenitori in cui andrai a riporli con del Bicarbonato Solvay®

 

Piastre & griglie

Per eliminare i residui di cibo e di unto da piastre e griglie del barbecue, forma una pasta con acqua e Bicarbonato Solvay® (1 parte di acqua, 3 parti di prodotto), applicala su una spugna e sfrega in modo energico fino alla rimozione dei residui. 

In caso di tracce di cibo più tenaci puoi utilizzare, invece della spugna, una spazzola a setole rigide.

In entrambi i casi, sciacqua e asciuga. Utilizzando il Bicarbonato Solvay® per la pulizia regolare di griglie e piastre eliminerai anche il problema degli odori residui.

 

Il consiglio:

2 cucchiai (50g) di Bicarbonato Solvay® ogni litro d'acqua calda per detergere i mobili da giardino;

1 cucchiaio (25g) di Bicarbonato Solvay® sotto forma d'impasto (3 parti di prodotto, 1 di acqua) per pulire griglie e piastre del barbecue.

 

La confezione ideale da tenere a portata di mano: Bicarbonato Solvay® da 1kg.