Come pulire i fornelli. Le 3 regole d'oro

Cleaning kitchen surfaceClick to enlarge

Il piano cottura è il banco laboratorio della tua creatività culinaria, e perciò deve essere sempre in piena efficienza per permetterti di realizzare ricette ogni volta perfette.

Che tu possegga i tradizionali bruciatori a gas o le modernissime piastre a induzione, un fornello che funziona a dovere e pulito, è la prima garanzia di successo in cucina.

 

Quando si parla di cucina, Bicarbonato Solvay® ha sempre qualche asso nella manica, non solo per il lavaggio di frutta e verdura o come assorbi odori per il frigorifero: anche per quanto riguarda la pulizia delle superfici, e in particolare del piano cottura, ti sorprenderà.

 

Con Bicarbonato Solvay® puoi stare tranquilla e far splendere i tuoi fornelli senza rischiare danni. Anzi, la tranquillità è doppia, trattandosi di un prodotto a uso alimentare.

 

Come fare

Con Bicarbonato Solvay® la pulizia di piastre e piani cucina non è mai stata così semplice.

In linea generale ti basterà cospargere di bicarbonato una spugna umida, da utilizzare sulla superficie da pulire e infine sciacquare e asciugare, per evitare la formazione di aloni. In caso di residui bruciati puoi realizzare una pasta con 3 parti di Bicarbonato Solvay® e una di acqua, aggiungendo qualche goccia di detersivo per i piatti, e poi sfregare sulle incrostazioni con una spugnetta.

 

Le 3 regole

Pulisci spesso
Attendi che le piastre si raffreddino e poi procedi subito con la pulizia: più aspetti, più i residui di sporco e grasso tendono a seccare diventando difficili da rimuovere.

Il detergente giusto

Attenzione al prodotto che usi. Ogni materiale ha le sue esigenze: detergenti acidi o troppo aggressivi potrebbero causare danni irreparabili, con graffi, macchie, opacizzazioni o altro. Scegli la delicatezza di Bicarbonato Solvay®!

 

Morbidezza prima di tutto
Usa solo spugne morbide e pulite: quelle di materiale anche solo leggermente abrasivo possono graffiare la superficie.

Per i piani in acciaio ricordati di sfregare sempre longitudinalmente alla “vena“ del metallo.

Infine, dopo aver risciacquato asciuga bene con un panno morbido.